Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/598
Title: L' Italia dei comuni. Politica e propaganda nelle elezioni amministrative del secondo dopoguerra (1946-1956)
Other Titles: Italy of town. Politics, propaganda and local elections in Italy (1946-1956)
Authors: Forlenza, Rosario
Keywords: Italia dei comuni (1946-1956);Italy of town (1946-1956);M-STO/04
Issue Date: 5-Nov-2008
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 19. ciclo
Abstract: 
Dal 1946 al 1956 le città e i paesi d’Italia furono lo scenario di alcuni cicli di elezioni amministrative. Si trattò di consultazioni di notevole rilievo non confinate nei limiti locali o amministrativi. Il legame tra politica e amministrazione e tra locale e nazionale fu molto forte nei primi anni del secondo dopoguerra; il rapporto di incontro e scontro tra centro e periferia è del resto uno degli elementi di lungo periodo del caso italiano. Per alcuni cicli elettorali (1946, 1951-1952, 1956) sono stati sistemati, per quanto possibili, i dati e le cifre; ma i numeri non esauriscono il problema. Così, per ogni ciclo elettorale considerato, si è cercato di far emergere i tratti distintivi e qualificanti di un intero periodo storico. Nel 1946 l’attenzione è puntata sulla rinascita della vita democratica attraverso il voto degli uomini (non più alle urne da prima del fascismo) e, per la prima volta nella storia italiana, dalle donne. Nel 1951 e 1952 il problema centrale è il tentativo delle sinistre e del Pci in particolare – lontani dal governo nazionale – di costruire una politica municipale con ambizioni nazionali. Nel 1956 i dati elettorali conducono al problema del nuovo equilibrio e dei nuovi rapporti interni al sistema dei partiti e del governo. In ogni caso, è costante la considerazione e la cura per i linguaggi e la comunicazione, i discorsi, la simbologia politica, la propaganda.

Local election in Italy from 1946 to 1956 were very important politics event, not restricted at the border of the town. Linking between Politics and Administration and Local and National were stronger in Italy after Second War. For some loc ale elections (1946, 1951-1952, 1956), I put in order, when and if possible, digits and data, but problems are not only numbers. So, for some electoral cycle, I emphasize the features of whole historical period. In 1946, principal problem was democratic life with vote by man (first time after Fascism) and women (first time in the Italian history). In 1951 and 1952, Left and first of all Communist Party, out of central govern, try to build a municipal politics with national ambitions. In 1956 elections provoke new balance and new internal relations in Party system and in the Government. In any case, I took care of languages and communication, speech, political simbology, propaganda.
Description: 
Dottorato di ricerca in Società, istituzioni e sistemi politici europei 19.-20. secolo
URI: http://hdl.handle.net/2067/598
Rights: If not otherwise stated, this document is distributed by the Tuscia University Open Archive under a Creative Commons 2.0 Attribution - Noncommercial - Noderivs License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/)
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
rforlenza_tesid.pdf8.5 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
0
Last month
0
checked on Oct 24, 2020

Download(s)

9
checked on Oct 24, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons