Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2937
Title: Sviluppo di una nuova metodologia per la classificazione di alberi habitat: definizione e applicazione
Other Titles: Development of a new method for the quantitative classification of habitat trees: protocol definition and application to cases study
Authors: Perrella, Paolo
Keywords: Alberi habitat;Tabella RADAR;Alberi invecchiamento indefiniti;Biodiversità forestale;Habitat trees;RADAR table;Indefinite aging trees;Forest biodiversity;AGR/05
Issue Date: 13-Jul-2015
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 27. ciclo
Abstract: 
Gli ecosistemi forestali forniscono una moltitudine di beni e servizi. Fra questi, di notevole
importanza la creazione di habitat e quindi la conservazione della biodiversità. I tecnici forestali
debbono dunque adottare sistemi selvicolturali che siano in grado di coniugare il mantenimento dei
“servizi ecosistemici” e la sostenibilità economica. Generalmente il principale effetto negativo delle
operazioni selvicolturali sulla biodiversità è legato alla eliminazione delle piante senescenti e morte.
Nella pratica selvicolturale, questo effetto negativo può essere contenuto, stabilendo criteri di
conservazione del legno morto a terra e in piedi, e degli alberi vecchi e deperienti, che presentino
numerosi microhabitat. Allo scopo di facilitare le operazioni di individuazione e successivo rilascio
degli “alberi habitat” durante le diverse operazioni selvicolturali, è stato messo a punto un
protocollo con cui stimare il valore ecologico di un supporto forestale (albero, popolamento), ossia
la capacità potenziale del supporto di mantenere la naturale biodiversità (naturalità). Il metodo
RADAR (acronimo per Ricerca Alberi DA Riservare), è la prima proposta di classificazione
numerica di alberi habitat in Italia. Con questo metodo di valutazione si presuppone che tutte le
caratteristiche e/o singolarità degli alberi siano potenzialmente utilizzabili dai taxa ad essi associati.
Il valore ecologico si determina valutando gli 8 aspetti descritti nella tabella RADAR: dimensione
dell'albero, posizione rispetto alla viabilità, presenza di peculiarità, funghi, epifite, legno morto,
cavità, nidi. La tabella RADAR è uno strumento di campo flessibile e di uso quasi immediato, che:
a) permette di individuare con facilità gli alberi da preservare dalla martellata;
b) lascia al selvicoltore la possibilità di operare le adeguate scelte tecniche volte, anche, alla ricerca
del profitto: le piante con molti microhabitat infatti, spesso hanno dimensioni importanti, ma
generalmente hanno un basso valore economico, per dirla con terminologia obsoleta “sono piene di
difetti”, quindi la loro conservazione è spesso vantaggiosa anche dal punto di vista finanziario oltre
che economico e ecologico;
c) permette di valutare gli alberi in maniera “oggettiva” e quindi meno soggetta alle critiche degli
stakeholders.
Oltre alla ricerca degli alberi da destinare ad invecchiamento indefinito, il metodo RADAR può
svolgere un importante ruolo sia nell'individuazione di elementi di connettività quali “isole di
biodiversità”, “corridoi ecologici”, “stepping stones”, sia nell'ambito di interventi previsti da forme
di morticoltura (Harmon 2001), o più semplicemente nell'ambito di interventi adottati per
pianificare la conservazione nel tempo dei microhabitat (coltura degli alberi habitat).
In ultimo, ma non per importanza, giova ricordare che la tabella RADAR risponde, in maniera
razionale, alla richiesta della legge (D.Lgs. 227/2001) di rilasciare alberi ad invecchiamento
indefinito e al recentissimo decreto MIPAAF del 23 ottobre 2014 inerente gli alberi monumentali.

Forest ecosystems provide a multitude of goods and services. Among the others, the creation of
habitat and consequently the conservation of biodiversity. The forest technicians must therefore
adopt silvicultural systems, able to combine the preservation of the ecosystem services and
economic sustainability. Generally, the main negative effect of forestry operations on biodiversity is
related to the elimination of senescent and death trees. In the silvicultural practices, this negative
effect can be reduced, using protocols which include the conservation of dead wood (on the ground
and standing) and old and decaying trees with microhabitats. To facilitate the identification and
subsequent release of the trees habitat during different silvicultural operations, a protocol to
estimate the value of ecological support forestry (tree, population), ie the potential of the media to
keep the natural Biodiversity (natural), has been developed.
The method RADAR is the first proposal for numerical classification of habitat trees in Italy.
This method assumes that all the features and / or uniqueness of the trees are potentially usable by
taxa associated with them. The ecological value is determined by the quantification of the eight
aspects considered in the RADAR table: tree size, position relative to roads, presence of
peculiarities, fungi, epiphytes, dead wood, cavity nests. The RADAR table is a field instrument
flexible and directly applicable, which:
a) it makes it possible to easily identify the trees which must be excluded from cutting;
b) leaves the technician to operate the appropriate technical choices sometimes, also, to the pursuit
of profit: plants with many microhabitats in fact, often have significant size, but generally have a
low economic value, or using an obsolete terminology "are filled of defects ", so their conservation
is often also advantageous from the financial point of view as well as economic and ecological;
c) allows to evaluate the trees using an "objective" method, therefore reducing the possible criticism
from stakeholders.
Furthermore, the RADAR method can play an important role both in identifying elements of
connectivity such as “islands of biodiversity”, “ecological corridors”, “stepping stones”, as part of
the morticulture approach (Harmon 2001), or more simply as part of measures for the preservation
over time of the microhabitat (cultivation of habitats trees).
Last, but not least for importance, it should be noted that the RADAR table, accomplish, in a
rational manner, to the request of the law (Legislative Decree no. 227/2001) to release indefinite
aging trees, and the recent Ministry directive of 23 October 2014, concerning the preservation of
monumental trees.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia forestale
URI: http://hdl.handle.net/2067/2937
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
pperrella_tesid.pdf4.44 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
0
Last month
0
checked on Oct 24, 2020

Download(s)

1
checked on Oct 24, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons