Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2889
Title: L’emergenza nei contratti pubblici
Other Titles: The emergency in public procurement
Authors: Cerulli, Riccardo
Keywords: Contratti;Appalti pubblici;Deroghe;Codice;Public Procurement;Emergency;Exception;Code;IUS/10
Issue Date: 30-Jun-2014
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 25. ciclo;
Abstract: 
Lo scopo della ricerca è fornire un’analisi specifica riguardante gli effetti – sia
sul piano giuridico-amministrativo che su quello finanziario – delle numerose deroghe
alla disciplina generale dei contratti pubblici, conosciuta come procedura di evidenza
pubblica, applicate in situazioni di emergenza o di “grandi eventi”.
La qualità e la quantità delle deroghe alle procedure ordinarie in materia di
appalti pubblici è un tema estremamente controverso, soprattutto a partire dal 1992,
anno di istituzione del Servizio nazionale della Protezione civile.
Proprio quest’ultima, infatti, è divenuta il soggetto di riferimento per le
situazioni di necessità e urgenza, durante le quali può agire quasi del tutto svincolato dal
rispetto delle norme ad evidenza pubblica contenute nel Codice dei contratti pubblici.
La stessa libertà di azione è stata in seguito concessa alla Protezione civile anche
per la gestione dei cosiddetti grandi eventi.
Attraverso lo studio delle modalità di intervento dello Stato nei casi di
emergenza e delle posizioni assunte dalla giurisprudenza e dalla scienza giuridica si è
cercato di porre in evidenza le maggiori criticità del sistema delle deroghe, legate
soprattutto all’alterazione della concorrenza ed alla compressione dei principi generali
del diritto comunitario e di quelli specificamente dettati in materia di appalti pubblici.

The purpose of the study is to convey a specific analysis on the effects - both in
legal-administrative and financial terms - of the many exceptions to the general rules of
public contracts, known as public procurement, applied in circumstances of emergency
or “big events”.
The quality and number of the exceptions to the regular procedures in public
procurement is a highly controversial, especially since 1992, the year of establishment
of the National Service of Civil Protection.
This last, in fact, has become the subject of reference to situations of urgency,
during which it can act almost completely released from compliance with public
evidence contained in the Code of public procurement.
The same freedom of action was later granted to the Civil Protection also for the
management of so-called big events.
Through the study of how state intervention in cases of emergency and the
positions taken by the courts and the legal science has tried to highlight the most critical
of the system of exceptions, mainly related to the alteration of competition and the
compression of the principles of Community law and to those specifically dictated in
the field of public procurement.
Description: 
Dottorato di ricerca in Diritto dei contratti pubblici e privati
URI: http://hdl.handle.net/2067/2889
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
rcerulli_tesid.pdf1.04 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

5
Last Week
2
Last month
1
checked on Nov 29, 2020

Download(s)

3
checked on Nov 29, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons