Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2878
Title: Amphipod assemblages of Posidonia oceanica meadows: space, time and metacommunity structure
Other Titles: Assemblaggio di anfipodi su praterie di Posidonia oceanica: spazio, tempo e strutture di metacomunità
Authors: Camisa, Federica
Keywords: Posidonia oceanica;Community;Amphipods;Tyrrhenian sea;Metacommunity;Comunità;Anfipodi;Mar Tirreno;Metacomunità;BIO/07
Issue Date: 25-Jun-2015
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 27. ciclo
Abstract: 
Meadows of Posidonia oceanica are key ecosystems covering one of the most important
ecological role in the coastal areas of the Mediterranean Sea. They host a large number of
species, playing important ecosystem functions by increasing the complexity of habitats and
providing protection and food resources for inhabiting species.
The associated vagile fauna is an important component in the structure of these ecosystems, by
transferring energy from producers to higher trophic levels. Amphipod crustaceans, in particular,
are one of the most abundant groups of the vagile fauna associated with seagrass beds, being
able to colonize different micro-environments such as P. oceanica leaves, matte and rhizomes.
Despite their relevance, many ecological questions are still open, including which mechanisms
mainly contribute in structuring amphipod assemblages.
The objective of this PhD thesis was to deepen the knowledge about the structuring mechanisms
of amphipod communities associated with P. Oceanica, by investigating their spatial and
temporal variability (both on seasonal and annual basis) and by looking for the emergence of
metacommunity patterns (i.e., a set of interacting communities which are linked by the dispersal
of multiple, potentially interacting species). To achieve this goal, the amphipod assemblages on
P. oceanica meadows have been studied during two consecutive years from three different
localities in central Tyrrhenian Sea at increasing spatial distance.
The research carried out produced three main results:
1. The structure and yearly seasonal variability of amphipod communities from two
localities of Giannutri Island (Punta Secca and Secca di Punta Secca) were studied to investigate
seasonal patterns of variation. The results obtained showed that, while a similarity exists
between winter, spring and summer assemblages, the autumn community is markedly different.
This is mainly due to the high number of taxa recorded (the highest among the four seasons) and
to the emergence of species that do not appear in any other period. It is known that during the
autumn the senescence of P. oceanica leaves dramatically increases the availability of organic
debris, so likely triggering the emergence of opportunist litter-feeding species typical of this
season (e.g. Gammarella fucicola) and determining the observed differentiation.
2. Spatial and temporal patterns have been studied by sampling in two subsequent
summers three different localities selected to represent geographically close mainland coastal
areas (i.e. Foce del Chiarone, CHIA and Punta Morelle, MOR) vs. insular meadows (i.e.
Giannutri Island, GIAN). The results obtained showed different spatial and temporal patterns of
amphipod assemblages from mainland vs. insular coastal meadows, with the latter characterized
by a significant variability across time with respect to the more steady composition shown by
the mainland sites. Spatial and temporal heterogeneity is due to a small number of species with
fluctuating abundances. Complex mechanisms seem to be involved in generating such
heterogeneity, including differences in habitat features such has anthropogenic impact (higher in
the mainland coastal sites) and extreme weather events (occurred at Giannutri Island in between
the two sampling seasons) likely combined with factors related to natural demographic
oscillations and co-occurring niche- and dispersal-based processes.
3. The Elements of Metacommunity Structure (EMS) approach was used to disentangle
the role of local vs. regional mechanisms in moulding amphipod assemblage on P. oceanica.
The three different studied localities were used to carry out the analysis over three different
spatial scales: the micro-scale analysis described the pattern of species assemblage within each
sampled locality (~ 10 m), the meso-scale compared the two mainland coastal areas (<10 km),
while the macro-scale compared Giannutri Island vs. mainland coastal areas (>10 km). This
sampling design allowed testing for the spatial extent over which significant metacommunity
structures emerge and to investigate their temporal variability. Our findings showed that the
assemblages were scale dependent and almost conservative in time, observing the onset of a
moderate species turnover for increasing geographic scales. Although the limited spatial
extension of the study does not allow an overall generalization of our findings, mechanisms of
amphipods assemblage seem to be driven more by habitat selection than from
colonization/extinction dynamics, although the increasing geographic scale should enhance the
role of passive dispersal.
If confirmed on a larger scale, these results could shed light on the spatial extension of the
patterns and mechanisms involved in the structuring the complex Posidonia-amphipods system.
They could also provide adequate responses for conservation at different geographic scale by
identifying, for instance, the optimal boundaries for conservation areas, and allowing the
management on a more understanding of community dynamics in fragmented systems.

Le praterie di Posidonia oceanica costituiscono un ecosistema chiave che riveste uno dei più
importanti ruoli ecologici nel’area costiera del Mediterraneo, in grado di ospitare un elevato
numero di specie e di svolgere importanti funzioni ecosistemiche, aumentando la complessità
degli habitat e provvedendo alla protezione e alla disponiblità di risorse trofiche.
Gli assemblaggi di fauna vagile sono componenti importanti nella struttura di questi ecosistemi,
trasferendo energia dai produttori ai livelli trofici superiori. In particolare, i crostacei anfipodi
costituiscono uno dei gruppi più abbondanti della fauna vagile associata alle praterie di
fanerogame, essendo in grado di colonizzare micro-ambienti differenti quali le foglie, la matte e
i rizomi. Essi svolgono inoltre un ruolo fondamentale nel riciclare la materia organica, sono
importanti produttori secondari e fungono da fonte di cibo per una grande varietà di predatori.
Nonostante la loro importanza, molte questioni ecologiche rimangono ancora aperte, tra cui
l’identificazione dei meccanismi coinvolti nel processo di strutturazione degli assemblaggi di
anfipodi.
L'obiettivo di questa tesi di dottorato è stato quello di approfondire la conoscenza sui
meccanismi di strutturazione delle comunità di anfipodi associate a P. oceanica, indagando la
loro variabilità spaziale e temporale (sia su base stagionale che annuale) e l'emergenza di
modelli di metacomunità (ovvero, un’insieme di comunità connesse dalla dispersione di più
specie potenzialmente interagenti). Per raggiungere questo obiettivo, gli assemblaggi di anfipodi
sulle praterie di Posidonia oceanica sono stati studiati per due anni consecutivi in tre diverse
località del Mar Tirreno centrale a distanze spaziali crescenti.
I risultati ottenuti nella presente ricerca possono essere riassunti in tre punti principali:
1. La struttura e la variabilità stagionale annuale delle comunità di anfipodi in due località
dell’Isola di Giannutri (Punta Secca e Secca di Punta Secca) sono state studiate per
indagare la presenza di modelli di variazione stagionale. I risultati ottenuti hanno mostrato
una parziale sovrapposizione degli assemblaggi durante l’anno, eccezion fatta per il netto
differenziamento dell’l'autunno. Tale differenza è dovuta principalmente all’elevato
numero di taxa registrato (la più alta tra le quattro stagioni) e alla presenza di specie non
campionate durantele altre stagioni. Durante l'autunno, la senescenza della P. oceanica
aumenta la disponibilità di detrito organico in grado di favorire la comparsa di specie
opportuniste con alimentazione principalmente detritivora (es° Gammarella fucicola),
determinando in tal modo la differenziazione osservata.
2. I pattern di strutturazione spaziale e temporale sono stati studiati attraverso il
campionamento in due successive estati in tre diverse località selezionate allo scopo di
rappresentare praterie di aree costiere continentali geograficamente vicine (Foce del
Chiarone, CHIA e Punta Morelle, MOR) vs. praterie insulari (Isola di Giannutri, GIAN). I
risultati ottenuti hanno mostrato differenti pattern di strutturazione spaziale e temporale
degli anfipodi su praterie costiere continentali vs. Praterie insulari, con queste ultime
caratterizzate da una elevata variabilità nel tempo rispetto alla composizione più stabile
mostrato dagli altri due siti. Questa eterogeneità è causata da un ristretto numero di specie
con abbondanze fluttuanti. Meccanismi complessi sembrano essere coinvolti nella
generazione di tale eterogeneità, incluse le differenze nelle caratteristiche di habitat,
l’impatto antropico (più alto nei siti costieri continentali) e gli eventi meteorologici estremi
(avvenuti a Isola di Giannutri tra le due stagioni di campionamento). Tale complessità
risulta influenzata dalle differenti scale geografiche, che possono aver contribuito ad
enfatizzare gli effetti legati alle naturali oscillazioni demografiche degli anfipodi,
enfatizzando gli effetti concomitanti di processi di nicchia e dispersione.
3. L’approccio basato sugli elementi di struttura di metacomunità (Elements of
Metacommunity Structure, EMS) è stato utilizzato per evidenziare la scala geografica alla
quale è possibile assistere ad un trade-off tra i meccanismi di strutturazione locale vs.
regionale degli assemblaggi di anfipodi su P. oceanica. Nelle tre diverse località sono stati
effettuate analisi a tre diverse scale spaziali: l'analisi a micro scala (~ 10 m) ha descritto il
modello di assemblaggio all'interno di ogni singola località, la meso-scala rispetto alle zone
costiere continentali (< 10 km), mentre la macro-scala (> 10 km) rispetto alle zone insulari
vs. continentali. Questo modello di campionamento ha permesso di testare l'estensione
territoriale oltre la quale possono emergere pattern significativi di metacommunità e di
indagare circa la loro stabilità temporale. I risultati hanno mostrato come gli assemblaggi
siano scala dipendente e conservativi nel tempo, osservando l'insorgenza di un moderato
turn-over di specie all’aumentare della scala geografica. Anche se l'estensione spaziale
limitata dello studio non permette una generalizzazione complessiva dei risultati, i
meccanismi di assemblaggio degli anfipodi sembrano essere guidati maggiormente dalla
selezione dell'habitat che da dinamiche di colonizzazione/estinzione, anche se una
crescente scala geografica dovrebbe valorizzare il ruolo della dispersione passiva.
Se confermato su ampia scala, questi risultati potrebbero far luce sulla estensione spaziale dei
modelli e dei meccanismi coinvolti nella strutturazione del complesso sistema Posidoniaanfipodi.
Essi potrebbero inoltre fornire risposte adeguate alla conservazione a differenti scale
geografiche individuando, per esempio, i limiti ottimali delle aree protette e consentendo una
gestione basata sulla maggiore comprensione delle dinamiche di comunità.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia e gestione delle risorse biologiche
URI: http://hdl.handle.net/2067/2878
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
fcamisa_tesid.pdf1.8 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

4
Last Week
2
Last month
0
checked on Oct 31, 2020

Download(s)

3
checked on Oct 31, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons