Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2866
Title: Mutant p53 inhibits microRNA biogenesis by interfering with the Microprocessor complex
Other Titles: La proteina p53 mutata inibisce la biogenesi dei microRNA interferendo con il complesso Microprocessore
Authors: Gurtner, Aymone
Keywords: Mutant p53;Drosha;MicroRNA;Cancer;p72/82;p53 mutata;Tumore;BIO/11
Issue Date: 8-May-2015
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 27. ciclo
Abstract: 
A decrease of mature microRNAs is often observed in human malignancies giving them potential to
act as tumor suppressors. Thus, microRNAs may be potential targets for cancer therapy. In
agreement, inhibition of microRNA biogenesis tends to enhance tumorigenesis, and alterations in
the miRNA biogenesis machinery impact on the establishment and development of cancer
programs. Moreover, accumulation of pri-microRNAs and corresponding depletion of mature
microRNAs occurs in human cancers compared to normal tissues, strongly indicating an
impairment of crucial steps in microRNA biogenesis. Still, the mechanisms through which
microRNAs are regulated in cancer remain poorly understood. Therefore, the understanding of
mechanisms that drive the alterations in the microRNA biogenesis is a cardinal question in cancer
biology. The TP53 tumor suppressor gene is mutated in half of human tumors resulting in an
oncogene with Gain-Of-Function activities. Numerous microRNAs can be regulated by wtp53 at
transcriptional and post-transcriptional level but very few data about mutant p53-dependent
microRNA expression are available yet. Here we demonstrate that mutant p53 oncoproteins
modulate the biogenesis of a subset of microRNAs in cancer cells inhibiting their posttranscriptional
maturation. Interestingly, among these microRNAs several are also downregulated in
human tumors. By confocal, coimmunoprecipitation and RNA-ChIP experiments, we show that
endogenous mutant p53 binds and sequesters RNA helicases p72/82 from the Microprocessor
complex, interfering with the Drosha-pri-miRNAs association. In agreement with this, the
overexpression of p72 leads to an increase of mature microRNAs levels. Finally, we demonstrate
that 4 of post-transcriptionally regulated microRNAs display tumor suppressive properties related to
apoptosis, cell cycle arrest, epithelial-mesenchymal transition repression and migration inhibition,
strongly indicating that these microRNAs are downregulated by mutp53 in order to de-activate
tumor suppressive pathways. Our study highlights for the first time a novel GOF activity of mutant
p53 proteins responsible, at least in part, for the microRNA deregulation observed in cancer.

Alterazioni nei livelli dell’espressione dei microRNA sono state documentate in tutti i tipi di tumori
umani. Nello specifico si assiste ad una generale inibizione dell’espressione di molti microRNA,
che risultano essere potenziali oncosoppressori. Di conseguenza i microRNA possono essere
potenziali bersagli per la terapia contro il cancro. Inoltre, l'inibizione della biogenesi dei microRNA
favorisce i processi di tumorigenesi. Tuttavia i meccanismi attraverso i quali i microRNA sono
deregolati nel cancro, e la correlazione fra oncogeni e biogenesi dei microRNA ancora non è
chiara. Pertanto, la comprensione dei meccanismi che guidano le alterazioni nella biogenesi dei
microRNA è una domanda cardinale nella biologia del cancro.
Il gene oncosoppressore p53 è mutato in più del 50% dei tumori umani, e spesso, tali mutazioni
portano alla generazione di una proteina in grado di contribuire allo sviluppo e alla progressione
tumorale. Queste proteine acquisiscono nuove proprietà oncogeniche, definite “Gain Of Function”
(GOF). Nel presente studio dimostriamo che differenti proteine p53 mutate modulano la biogenesi
di un gruppo di microRNA, inibendo la loro maturazione a livello post-trascrizionale sia in cellule
di adenocarcinoma del colon che di tumore mammario umano. E’ interessante notare che fra questi
microRNA diversi sono repressi nei tumori umani. Dal punto vista meccanicistico, tramite
esperimenti di immunofluorescenza al confocale, co-immunoprecipitazione delle proteine endogene
ed immunoprecipitazione in vivo dell’RNA (RNA-ChIP), abbiamo dimostrato che l’oncoproteina
p53 mutata endogena lega e sequestra l’RNA elicasi p72/82 dal complesso proteico
Microprocessore con funzione di RNAsi III, interferendo con l’interazione fra Drosha ed i trascritti
primari (pri-microRNA) bersaglio. Coerentemente, l’over-espressione della proteina p72 porta ad
un incremento dei livelli di espressione dei microRNA maturi. Infine, abbiamo dimostrato che 4 dei
microRNA (miR-517a, -519a, -218, -105) regolati negativamente a livello post-trascizionalmente
dalla p53 mutata, mostrano proprietà oncosoppressive quali induzione dell’apoptosi, blocco del
ciclo cellulare, repressione della transizione epitelio-mesenchima ed inibizione della migrazione
cellulare, indicando fortemente che questi microRNA sono repressi dalla p53 mutata al fine di
disattivare capacità onco-soppressive.
I nostri studi dimostrano per la prima volta una nuova attività oncogenica della proteina p53
mutata responsabile della deregolazione dei microRNA osservata nei tumori.
Description: 
Dottorato di ricerca in Genetica e biologia cellulare
URI: http://hdl.handle.net/2067/2866
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
agurtner_tesid.pdf1.11 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
0
Last month
1
checked on Nov 25, 2020

Download(s)

3
checked on Nov 25, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons