Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2865
Title: Analisi degli stock di carbonio organico nel suolo di ambienti agropastorali alpini soggetti a cambiamenti di uso e copertura del suolo nell’ambito della politica di sviluppo rurale del Veneto
Other Titles: Analysis of soil organic carbon stocks in alpine agro-pastoral systems involved in land use changes in the context of rural development policy of Veneto Region
Authors: Fino, Ernesto
Keywords: Uso del suolo;Copertura del suolo;Successione secondaria;Carbonio nel suolo;Sviluppo rurale;Land use;Land cover;Secondary succession;Soil carbon;Rural development;AGR/14
Issue Date: 13-Jul-2015
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 27. ciclo
Abstract: 
Negli ultimi decenni si è assistito, nelle aree montane alpine e, più in generale, nelle aree montane europee, ad un progressivo abbandono delle superfici agropastorali e, quindi, ai conseguenti processi di successione secondaria che hanno portato alla ben nota espansione della superficie forestale. L’espansione del bosco viene comunemente associata alla funzione di stoccaggio del carbonio, anche se dall’analisi bibliografica emergono risultati contrastanti.
Oggetto della presente ricerca è l’analisi delle variazioni di carbonio organico e di azoto che avvengono nel suolo in corrispondenza delle principali classi di copertura del suolo che, dal momento dell’abbandono colturale, si susseguono fino all’insediamento del bosco. Obiettivo è di contribuire alla comprensione del fenomeno, nonché di indirizzare la strategia della politica di sviluppo rurale della Regione del Veneto.
A tal fine sono state identificate quattro classi di copertura del suolo, dal prato o pascolo gestito (t0) al bosco (t3), passando per due classi intermedie, il prato o pascolo recentemente abbandonato, a copertura erbacea (t1), e uno stadio più avavnzato, a copertura prevalentemente arbustiva (t2). Cinque cronosequenze sono state individuate in altrettante zone di campionamento distribuite nel territorio della Provincia di Belluno.
I risultati mostrano una generale e significativa riduzione degli stock di Corg nel suolo, nel solo confronto tra gli estremi delle 5 cronosequenze individuate. Nel passaggio da una classe di copertura del suolo alla successiva, non si osservano, infatti, differenze significative nello strato di suolo 0-30 cm. Decisamente più marcate risultano le differenze negli strati profondi (30-60 cm), dove è spesso possibile osservare riduzioni significative nel succedersi delle diverse classi di copertura del suolo.
Uno specifico profilo di analisi del paesaggio, basato sull’applicazione del metodo psicofisico, ha permesso di individuare, nei prati e pascoli gestiti, l’unità ambientale a maggiore valenza paesaggistica.
Lo studio dimostra la sostenibilità ambientale e paesaggistica del mantenimento delle attività agropastorali in area montana, sostenuto dalla politica di sviluppo rurale. Non sembrano emergere, inoltre, particolari criticità legate alla realizzazione degli interventi di recupero, sebbene tale valutazione meriterebbe un maggiore approfondimento.

The mountain alpine region and the European mountain environment in general, have been characterized over the last decades by the progressive desertion of the agro-pastoral activities and associated secondary succession process, eventually leading to forest expansion. The natural wood expansion process is generally linked to the increase carbon sequestration capacity though conflicting conclusions often come from respectable studies.
The present study intends to analyse the quantitative changes in soil carbon and nitrogen content induced by the changing vegetative cover after the agro-pastoral activities are abandoned, up to the full forestry establishment. The objective of the study being to provide the correct understanding of the secondary succession process as such understanding is instrumental to define rural development policies, for Veneto Region in the specific case of the study.
Four soil cover classes have been identified: t0 – organized grassland and pasture; t1 – recently deserted pasturage with prevailing grass cover; t2 – long deserted pasturage with prevailing tree cover; t3 – secondary forest.
Five chrono-sequences as per the above transition process have been identified in different surveyed areas of the Belluno Province, Veneto Region. Laboratory analyses show in general a significant reduction of the Soil Organic Carbon stock while proceeding from t0 to t3 class.
Little or no changes were however observed in the upper 30-cm soil layer, while significant changes in C-stock and N-stock emerge indeed in the underlying soil at 30 cm to 60 cm depth. This underlying soil is where clear evidence of the transition process can be found.
The specific landscape assessment, based on psychophysical principles and methods, identifies organized grassland and pasture as the most valuable scenic environment.
The study proves therefore the environmental and scenic sustainability of supporting and promoting agro-pastoral activities in mountainous areas under comprehensive rural development policies. No critical obstacles reasonably hamper contrasting and reversing the secondary succession process with the adoption of prudent recovery measures.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia forestale
URI: http://hdl.handle.net/2067/2865
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
efino_tesid.pdf15.72 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 31, 2020

Download(s)

1
checked on Oct 31, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons