Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2737
Title: Applicazioni biotecnologiche per l'induzione di nuova variabilità genetica nelle orchidee
Other Titles: Advanced biotechnology for the induction of genetic variability in orchids
Authors: Grosso, Valentina
Keywords: Citometria a flusso;Poliploidizzazione;Ibridazione somatica;Marcatori molecolari;Flow cytometry;Polyploidization;Somatic hybridization;Molecular markers;AGR/04
Issue Date: 7-Jun-2013
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 25. ciclo
Abstract: 
Le Orchidaceae è una delle famiglie di monocotiledoni più sviluppate; la loro produzione di fiori recisi e di piante da vaso hanno un elevato valore economico nel mercato florovivaistico internazionale. Ad oggi è usuale la coltura in vitro di orchidee attraverso la propagazione di Protocormi (Protocorm like bodies; PLBs), per germogli ascellari e callo. Uno degli obiettivi del miglioramento genetico nelle orchidee è quello di ottenere nuove varietà e combinazioni ibride commercialmente interessanti. I programmi d’incrocio tradizionali hanno finora portato a buoni risultati, ma i consumatori sono sempre desiderosi di avere nuove varietà e da qui la necessità di produrre sempre nuovo materiale con caratteristiche di interesse.
Nel presente lavoro abbiamo focalizzato la nostra attenzione sull’introduzione di nuova variabilità genetica in Dendrobium e Phalaenopsis spp per mezzo di un approccio biotecnologico che combini le manipolazioni cellulari e molecolari per indurre nuova variabilità genetica riducendo tempi e costi del processo. Abbiamo perciò sviluppato in Dendrobium e Phalaenopsis spp i protocolli per l’isolamento protoplasti, da foglia e PLBs, e per la loro fusione per via chimica e per elettrofusione. Abbiamo utilizzato agenti antimitotici per indurre mutanti poliploidi. Per rendere questa tecnologia più efficace ed efficiente, la citometria a flusso è stata ampliamente utilizzata per separare singolarmente i prodotti di fusione e per un rapido screening dei mutanti poliploidi. Sono stati ottenuti un buon numero di mutanti poliploidi e alcuni di questi hanno mostrato fenomeni di poliploidizzazione parziale. La citometria a flusso ci ha permesso, immediatamente dopo il trattamento, di individuare la migliore condizione per l’induzione di poliploidi, permettendo di ridurre tempi e materiale per l’ottenimento dei mutanti. La citometria a flusso in combinazione con i marcatori molecolari e le analisi citogenetiche ci hanno permesso di caratterizzare ed individuare i mutanti tetraploidi e quelli parzialmente duplicati.

Orchidaceae family is one of the most developed monocotyledonous group; their pot plant and cut flower production have a high economical value in the international flower market. At first, in vitro culture protocols have been developed in this family and it is now usual to propagate orchids via protocorm-like body (PLB) formation, shoot multiplication or callus culture. One of the aims of the genetic improvement in orchids is to obtain new varieties and commercially attractive hybrid combinations. So far, the traditional breeding programs have led to very good results, but consumers desires are changeable and the need exists to generate always new stocks and to include some desirable combinations not allowed due to genetic incompatibility problems.
In our research work we have focused our efforts on the introduction of new genetic variability in Dendrobium and Phalaenopsis spp by means of a biotechnological approach which combines cellular and molecular manipulations to increase genetic variability. This achievement in turn should provide a clue to address these incompatibilities and to rise new genetic variability. With this in mind, we have developed in Dendrobium and Phalaenopsisspp a protocol for leaf and PLBs protoplasts isolation and somatic hybridization via PEG (Polyethylene glycol) or electrofusion. In order to obtain polyploid mutants we used cell cycle blocking agents in vitro. To make this technological approach more effective and efficient, flow cytometry has been largely applied to recognize and sort single hybridized cells from normal ones immediately after the fusion process and for a rapid screening and identification of the new polyploid mutants. We were successful in obtaining polyploidy mutants from in vitro explants; interestingly, some of them showed a downsizing genome situation exhibiting a partial polyploidy. The flow cytometry screening proved to be an usefull tool to select polyploids and to reduce cost and time consumption for the entire process. Molecular marker (RAPD and SSR) and cytogenetic approachs were also applied to differentiate orchid mutants allowing a genetic identification of controls from tetraploids and near-tetraploids,thus reducing the general efforts to grow up very large plant population of unknown ploidy.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ortoflorofrutticoltura
URI: http://hdl.handle.net/2067/2737
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
vgrosso_tesid.pdf4.96 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 26, 2020

Download(s)

3
checked on Oct 26, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.