Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2487
Title: Comunicare il sindacato: i giornali sindacali italiani negli anni Cinquanta
Other Titles: An insight into union communication: the Italian union newspapers in the Fifties
Authors: Ricci, Ida
Keywords: Sindacato;Comunicazione;Propaganda;Stampa;Giornali sindacali;Quotidiani;Riviste anni Cinquanta;Rotocalco;Cgil;Cisl;Uil;Filca-Cisl;Fillea-Cgil;Edilizia;Trade union;Communication;Press;Newspapers;Magazines;Fifties;Building;M-STO/04
Issue Date: 1-Apr-2011
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 23. ciclo
Abstract: 
La ricerca analizza l’evoluzione della stampa sindacale italiana a partire dalle scissioni del 1948-
1949 fino alla fine degli anni Cinquanta, descrivendo e confrontando le vicende della stampa delle
tre maggiori centrali sindacali, Cgil, Cisl e Uil, per comprendere i diversi punti di vista ed il modo
in cui il sindacato ha comunicato se stesso, i suoi principi e i suoi obiettivi nel corso del decennio
ed il ruolo svolto dai giornali nella definizione di un’informazione sindacale. I primi tre capitoli
prendono in considerazione le politiche di stampa e propaganda delle singole organizzazioni
confederali e la loro produzione giornalistica al livello nazionale (periodici, bollettini e riviste),
guardandone codici e modelli e rapportandola ai mutamenti del contesto comunicativo dell’Italia
degli anni Cinquanta. Il quarto capitolo si concentra invece sulla lettura della stampa delle
federazioni dei lavoratori delle costruzioni (Filca-Cisl e Fillea-Cgil), per mettere in luce come
l’esperienza federale si inserì nel quadro della stampa sindacale del periodo e come la pubblicistica
degli edili assunse una propria specificità e tentò di esprimere i tratti essenziali dei modelli sindacali
seguiti.

The paper examines the evolution of the Italian trade union press from the divisions of 1948-1949
to the end of the Fifties, describing and comparing the events concerning the press of the three
largest trade unions, Cgil, Cisl and Uil, to understand their different points of view and the way in
which the unions announced themselves, their principles and objectives during the decade and the
role played by newspapers in the definition of union information. The first three chapters consider
the press and propaganda policies of individual organizations and their journalistic production at a
national level (review, newspapers and magazines), looking at codes and models and relating them
to changes in the communicative context of Italy in the Fifties. The fourth chapter focuses instead
on the reading of the press of the associations of construction workers (Filca-Cisl and Fillea-Cgil),
to highlight how the federal experience can be inserted in the union press of the period and how the
press of the building federations had a particularity of its own, but tried to express the essential
features of the models union followed.
Description: 
Dottorato di ricerca in Storia d’Europa: società, politica, istituzioni (19.-20. secolo)
URI: http://hdl.handle.net/2067/2487
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
iricci_tesid.pdf1.72 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

3
Last Week
0
Last month
2
checked on Jan 16, 2021

Download(s)

10
checked on Jan 16, 2021

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.