Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2406
Title: The usefulness of a multidisciplinary approach to investigate the differentiation of Atlantic swordfish (Xiphias gladius L. 1758)
Other Titles: L'utilità di un approccio multidisciplinare per studiare il differenziamento di pesce spada dell'Atlantico (Xiphias gladius L. 1758)
Authors: De Carvalho dos Santos Garcia Guerreiro, Alexandra
Keywords: Xiphias gladius;Atlantic;Parasites;mtDNA D-loop;Morphometric;Age and growth;Atlantico;Parassiti;Dati morfometrici;Età e crescita;BIO/07
Issue Date: 10-Feb-2011
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 22. ciclo
Abstract: 
The swordfish (Xiphias gladius L. 1758) is a highly migratory species that is
harvested over its entire distribution range. For management purposes, the International
Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT) established two distinct
stocks within the Atlantic, the North and South, separated at 5ºN. The existing stock
boundaries were established at a time when biological evidence for stock structure was
conflicting and inconclusive and were not intended to represent discrete populations.
Thus, the actual boundary was arbitrarily placed on 5ºN for the practical purpose of
alignment with ICCAT’s existing statistical reporting areas. Taking into consideration
the uncertainties concerning the Atlantic swordfish stock limits, as well as the
implications that such doubts have for management purposes, the present work aimed to
evaluate the accuracy of the location of the current boundary between the North and
South Atlantic stocks and assess the degree of subdivision and discreteness between
them. In order to achieve such goals, a multidisciplinary (holistic) approach was carried
out which incorporated a set of different aspects of the swordfish biology (parasites;
genetic, morphometry and age and growth). The study of parasites allowed to gather
new information on the relationship between infection levels and host size and sex and
gave indications about the possible use of some taxa as “biological tags” for stock
discrimination. The relationship between metazoan parasites and host sex did not
revealed statistically significant correlation in Atlantic tropical-equatorial area. Infection
levels with T. integrum and T. coccineum were observed to be significantly negatively
correlated to host size. Infection levels by endoparasites observed in swordfish from
Atlantic tropical-equatorial area may be related to host feeding behaviour and the
availability of the parasites’ intermediate and final hosts in the area studied.
Parasitological data acquired from tropical-equatorial area, northwest, central north, east
tropical and central south revealed the association of some parasite taxa with distinct
areas based on their presence/absence and infection levels. Hysterothylacium
corrugatum (s.l.) and Rhadinorhynchus pristis were mostly associated with swordfish
caught in the northwest, and Anisakis paggiae and H. incurvum with fish caught in the
southern areas (east tropical, tropical-equatorial and central south). Anisakis simplex s.s.
could be used as a marker for all northern samples. Parasitological data on Atlantic
swordfish seems to support the existence of at least two discrete stocks in this water
basin. The genetic diversity within and between the studied areas was also investigated
at the DNA mitochondrial control region (mtDNA D-loop). The analysis of molecular
variance (AMOVA) showed that genetic variation was mainly due to differences within
rather than between the studied areas. Additionally, the phylogenetic analysis did not
show evident relationships among haplotypes from all areas, as they are randomly
allocated across the tree diagram. However low, but significant FST values were
recorded when comparing equatorial samples with all the other from North Atlantic.
Morphologic differentiation of swordfish caught in east tropical, equatorial and south
central Atlantic waters was investigated using morphometric characters of the second
ray of the anal fin. Regression analysis revealed that fin ray growth in width was less
variable than growth in height and fin ray width increases more rapidly than fish length.
Discriminant analysis suggested significant phenotypic heterogeneity among areas. The
tropical samples were the most isolated, while the equatorial and south central samples
were clustered together. The age and growth of the swordfish were estimated using the
anal fin spines of swordfishes caught in eastern Atlantic waters. The samples consisted
of 12 age-classes, with age-classes 2 and 3 being the most represented. Marginal
increment analysis showed that growth bands 1 to 7 were deposited annually. The
monthly mean MIR estimated and the month effect on MIR provided by the GLM
suggested that an annulus is formed in middle spring. The swordfish length-at-age was
back calculated using two methods and estimated by the standard and generalised von
Bertalaffy models. Overall, growth rates were higher during the first year of life and
slowed appreciably afterwards for both sexes. However, females still growing faster
than males and consequently reach larger sizes than males. The standard von Bertalaffy
function provided a more realistic description of age-size relationship of swordfish over
the age ranges considered. Growth parameters for the pooled sexes were described as:
L∞=332.104, K=0.077; t0=-2.778. Finally, the overall information gathered by the
different techniques used seems to support the existence of different stocks of swordfish
in the Atlantic Ocean; they also revealed that migratory movements between the
northern and southern areas are occurring and that mixing occurring especially in the
equatorial area. However, although no precise boundaries could be established for
Atlantic swordfish stocks, the current data does not support the need to change the
current fishery management boundary, placed at 5ºN.

Il pesce spada (Xiphias gladius L. 1758) è una specie altamente migratoria che viene
pescata in tutto il suo areale di distribuzione. Ai fini della sua gestione, la Commissione
internazionale per la conservazione dei tonnidi dell'Atlantico (ICCAT), ha stabilito
l’esistenza di due stocks distinti di pesce spada all'interno l'Atlantico, il Nord e il Sud,
separati alla 5 ° N. I confini di questi stocks tuttavia sono state definiti senza aver
definito vari aspetti biologici della specie ittica. Pertanto, il limite reale è stata
arbitrariamente posto al 5 º N, quale allineamento con le aree esistenti ICCAT di
segnalazione statistica. Prendendo in considerazione le incertezze sull’esistenza di due
stocks distinti di pesce spada in Atlantico, il presente lavoro mira a valutare
l'accuratezza della posizione del confine attuale tra il Nord e il Sud Atlantico. Al fine di
raggiungere tale obiettivo, è stato effettuato un approccio multidisciplinare (olistico) che
include lo studio di differenti aspetti della biologia del pesce spada (parassiti struttura
genetica a livello del DNA mitocondriale, dati morfometrici ed parametri di crescita
legata all’età della specie ittica). Lo studio dei parassiti ha permesso di raccogliere
nuove informazioni sul relazione tra tra i livelli di infezione e taglia del pesce e con il
sesso; inoltre ha dato indicazioni sul possibile utilizzo di alcuni taxa come "biological
tags " per la discriminazione degli stocks. La relazione tra i parassiti (metazoi) rilevati
ed il sesso degli esemplari analizzati non ha rivelato una correlazione statisticamente
significativa nei campioni pescati in Atlantico tropicale-equatoriale. E’ stata osservata
una relazione statisticamente significativa tra i livelli di infezione da T. integrum e T.
coccineum e la taglia dell’ospite. Inoltre, le differenze nei livelli di infezione da
endoparassiti osservate nei pesce spada campionati dalla zona dell'Atlantico tropicaleequatoriale,
possono essere collegate alle diversi abitudini trofiche e alla disponibilità di
ospiti intermedi e definitivi necessari a completare il ciclo biologico dei parassiti
nell'area in studio. I dati parassitologici acquisiti nei campioni dalla zona tropicaleequatoriale,
a nord-ovest, centro-nord, est e sud tropicali centrale, hanno rivelato
differenze significative tra campioni di pesce spada da diverse aree geografiche in base
alla presenza/assenza di alcuni parassiti e i loro livelli di infestazione. Hysterothylacium
corrugatum (s.l.) e Rhadinorhynchus pristis erano per lo più associati con i pesce spada
pescati nel nord-ovest, mentre Anisakis paggiae e H. incurvum con il pesce pescato
nelle zone del sud- Atlantico (tropicale e equatoriale centrale). La specie Anisakis
simplex s.s. invece era associata sempre ai campioni di pesce spada del Nord Atlantico,
e quinid potrebbe essere utilizzato come marcatore di tutti i campioni del nord. I dati
parassitologici sembrano pertanto sostenere l'esistenza di almeno due stocks distinti in
Atlantico. La diversità genetica delle popolazioni di pesce spada è stata studiata anche
mediante analisis genetica del gene mitocondriale del D-loop. L'analisi della varianza
molecolare (AMOVA) ha mostrato che la variazione genetica è dovuta principalmente
alla differenze all'interno piuttosto che tra le aree studiate. Inoltre, l'analisi filogenetica
non ha mostrato evidenti le relazioni tra gli aplotipi da tutte le zone. Tuttavia, valori di
FST bassi ma significativi, sono stati registrati quando si confrontano i campioni
equatoriale con tutti gli altri dal Nord Atlantico. A livello morfologico, i pesce spada
catturati nelle acque tropicali centro-equatoriali e nell’Atlantico meridionale sono stati
valutati utilizzando caratteri morfometrici del secondo raggio della pinna anale.
L'analisi di regressione ha rivelato che la crescita dei raggi della pinna in larghezza è
meno variabile rispetto alla crescita in altezza, e che l’aumento dei raggi della pinna in
larghezza avviene più rapidamente della crescita del pesce in lunghezza. L'analisi
discriminante ha suggerito una significativa eterogeneità fenotipica tra le aree. I
campioni tropicale risultano più isolati, mentre i campioni equatoriale e centro-sud si
raggruppano insieme in un cluster distinto. L'età e la crescita del pesce spada è stata
stimata utilizzando le spine della pinna anale di pesci spada pescati in acque
dell'Atlantico orientale. I campioni erano da 12 classi di età, con le classi 2 e 3 come le
più rappresentate. L’analisi dell’incremento marginale ha mostarto che le bande di
crescita 1-7 vengono depositate ogni anno. Il MIR medio mensile stimato e l'effetto dei
mesi sulla MIR fornite dal GLM suggerisce che un anello si forma durante la primavera.
La correlazione lunghezza-età del pesce spada è stata calcolata utilizzando due metodi e
stiamta mediante il modello di von Bertalaffy. Nel complesso, i tassi di crescita erano
superiori nel primo anno di vita e rallentavano sensibilmente in seguito per entrambi i
sessi. Tuttavia, le femmine crescendo più velocemente rispetto ai maschi di
conseguenza presenatvano dimensioni maggiori rispetto ai maschi. La funzione standard
di von Bertalaffy ha fornito una descrizione più realistica del rapporto età del pesce
spada nel fasce di età considerate. Il parametri di crescita per i due sessi in pool sono
stati riportati come: L = ∞ 332,104, K = 0,077; t0 =- 2,778. Infine, le informazioni
raccolte in generale mediante le diverse metodologie utilizzate sembrano che indicare
che ci siano movimenti migratori tra le zone nord e sud e che la miscela di popolazioni
avvenga soprattutto nella zona equatoriale. L’insieme dei dati sembra supportare
l’esistenza di due stocks in Atlantico, e poiché il limite dell’esistenza degli stocks
sembra non avere confini precisi, i dati attuali non indicano la necessità di cambiare
l'attuale limite di gestione della pesca, posto al 5 ° N.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia e gestione delle risorse biologiche
URI: http://hdl.handle.net/2067/2406
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
agarcia_tesid.pdf1.69 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
0
Last month
0
checked on Dec 3, 2020

Download(s)

4
checked on Dec 3, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.