Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2404
Title: Reti trofiche fluviali e decomposizione biologica in un ecosistema urbano: Roma
Other Titles: River trophic networks and biological decomposition in an urban ecosystem: Rome
Authors: D'Ayala, Antonio
Keywords: Decomposizione biologica;Reti trofiche;Detritivori;Stabilità di resilienza;Analisi isotopi stabili;Biological decomposition;Trophic networks;Detritivorous;Resilience stability;Stable isotopes analysis;BIO/07
Issue Date: 10-Feb-2011
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 22. ciclo
Abstract: 
L’ecosistema fluviale è spesso l’ambiente di uscita dei prodotti del metabolismo urbano.
L’impatto dei reflui della città può superare la naturale capacità di bioassimilazione del fiume. Quando
questo accade si verifica un degrado nella struttura della comunità di detritivori e sulla funzione ecosistemica
da loro esercitata: la decomposizione naturale della materia organica nel fiume.
In questo studio è stato valutato lo stato strutturale della comunità di macroinvertebrati che colonizza il
detrito e la velocità della decomposizione del detrito fluviale come indicatori dell’efficienza auto -
depurativa del fiume Tevere a Roma. L’ipotesi sperimentale da verificare era la completa depurazione dei
reflui urbani da parte degli impianti di depurazione e quindi l’assenza di un loro impatto negativo
sull’ecosistema fluviale. A tale scopo sono state scelte stazioni di controllo a monte e a valle dei due
depuratori, Roma Nord e Roma Sud, situati agli estremi del tratto di attraversamento urbano del Tevere.
Lo studio si è articolato nelle seguenti fasi:
- due campagne di raccolta dati biologici e chimico –fisici, una invernale nel 2007 e una estiva nel 2008, per
cogliere le differenze stagionali;
- indagine in laboratorio sulle comunità detritivore a livello di popolazione, comprese le interazioni
predatorie e di competizione, la caratterizzazione delle reti trofiche per mezzo dell’analisi degli isotopi stabili
13C e 15N; studio della colonizzazione microfungina e della velocità di decomposizione del detrito fogliare
della canna domestica ( Arundo donax L.).
I risultati ottenuti indicano che i reflui dei depuratori modificano la struttura ecologica alla base del processo
auto - depurativo diminuendone il rendimento. si riscontrano infatti differenze significative tra monte e valle
per l’abbondanza delle popolazioni, la diversità, i parametri di nicchia ecologica, la complessità delle reti
trofiche e la diversificazione delle risorse alimentari alla loro base. La velocità della decomposizione e la
stabilità di resilienza (May, 1972) risentono di un effetto negativo dei reflui urbani, più evidente durante
l’estate e a valle del depuratore di Roma Sud.

The lotic ecosystem is often the output environment of the waste products generated by the urban ecosystem
metabolism. The impact of sewage water on the river may exceed his natural capacity of bio – assimilation.
when this happens there is a deterioration in the structure of the detritivorous community
and ecosystem function exercised by them: the natural decomposition of organic matter in the river.
In the present study was assessed the state of the community structure of macroinvertebrates colonizing the
detritus and the speed of degradation of the river plant debris as indicators of the self purification efficiency
in the Tiber River in Rome.
The experimental hypothesis was to verify the complete treatment of municipal wastewater from sewage
treatment plants and therefore the absence of a negative impact on the river ecosystem.
For this purpose were selected monitoring stations upstream and downstream of the two water treatment
plants, Rome- North and Rome -South, located at the ends of the stretch of urban river crossing.
The study was divided into the following phases:
- two campaigns to collect biological and chemical-physical data, in winter 2007 and summer 2008, to
highlight the seasonal differences;
- laboratory investigation on detritivore community at the population level, including interactions of
predation and competition, the characterization of food webs using stable isotopes 13C e 15N analysis (S.I.A.),
microfungal study of colonization and the rate of decomposition of leaf material belonging to Arundo donax
L .
The results indicate that the waste from water treatment plants alter the ecological structure at the base of
detritus processing and decrease the self –purification efficiency.
There was significative differences between upstream and downstream to the abundance of populations, the
diversity, the parameters of ecological niche, the complexity of trophic networks and the diversification of
food resources at their base. The rate of decomposition and stability of resilience (May, 1972) suffer from a
negative effect of urban wastewater, most evident during the summer and downstream of the sewage
treatment plant south of Rome.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia e gestione delle risorse biologiche
URI: http://hdl.handle.net/2067/2404
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
adayala_tesid.pdf7.2 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 30, 2020

Download(s)

6
checked on Oct 30, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.