Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2394
Title: On the extension of large-scale forest inventories to non-forest areas
Other Titles: Proposta metodologica per l’inventario su vasta scala degli alberi fuori foresta
Authors: Chiriacò, Maria Vincenza
Keywords: Trees outside forests;Large-scale forest inventory;Sector sampling;Alberi fuori foresta;Inventari forestali su larga scala;AGR/05
Issue Date: 1-Jul-2011
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 23. ciclo
Abstract: 
Trees outside Forests (TOF) refer to those trees found on lands not defined as “Forest” and “Other Wooded Land” as per FAO definitions and include all those trees grouped in small woodlots and tree rows, or those scattered trees, occurring outside that areas conventionally indicated as forests whether in urban, rural or agroforestry systems.
The importance of tree outside forests and the need for complete and detailed information about these stands were formally underlined for the first time during the FAO Expert Consultation on Global Forest Resources Assessment 2000 (Kotka V, June 1996). Afterwards, countries mandated FAO for preparing a Thematic Report on TOF as part of FRA 2010, including the formulation of technical guidelines for integrating TOF in the next FRA 2015 reporting process. Although the importance of TOF is widely recognized, what is known until now about these forest formations is still limited, especially on large areas (Kleinn et al., 2001).
The aim of this PhD thesis was to investigate TOF formations through the development of a methodology of inventory exploiting the already existing network of conventional large-scale forest inventories. Further aim of this thesis was to develop a sector sampling methodology to survey small woodlots in a more expeditious way.
This thesis provides a solution to the widespread and increasing need for more detailed information on the quantitative and qualitative assessment of TOF resources and on their distribution. The application of the proposed methodologies allows the assessment of the quantitative and qualitative attributes of TOF through an ad hoc methodology for TOF inventory which proved to be easily applicable. The statistical estimators proposed in the developed methodology prove to be robust and of useful application. The developed protocols thanks to their potentiality to be implemented in the first-phase of the conventional large-scale forest inventories allow a collection of information on TOF at lower cost of implementation. Also the sector sampling methodology proves to provide a valid solution for sampling small surfaces as woodlots, solving the practical problem related to the edge effect, while reducing time and effort of the survey and maintaining a good accuracy of the estimate.
The implementation of the proposed methodologies at national levels could be a concrete perspective also considering that TOF formations are intended to increase in coming years, mainly in relation to their further territorial expansion resulting from the recent Common Agricultural Policy orientations. This consideration is of relevant importance especially in the perspective of eligibility of the agro-forestry sector to contribute to the national count of greenhouse gas emissions in the second commitment period of the Kyoto Protocol.

La definizione di alberi fuori foresta (AFF) comprende alberi o gruppi di alberi presenti su aree non appartenenti alla categoria «foreste» e "altre superfici boschive", come definito dalla FAO. Gli AFF si configurano come tutti quegli alberi raggruppati in boschetti, filari o come alberi sparsi che si trovano al di fuori di aree convenzionalmente indicate come foreste localizzate in sistemi urbani, rurali e agroforestali.
L'importanza degli AFF e la necessità di disporre di informazioni complete e dettagliate sulla loro distribuzione e quantificazione sono state ufficialmente formulate per la prima volta durante la FAO Expert Consultation per la redazione del Global Forest Resources Assessment 2000 (Kotka V, giugno 1996). Successivamente, i paesi coinvolti hanno esplicitamente invitato la FAO a redigere uno studio tematico sugli AFF come parte del FRA 2010, e a formulare linee guida tecniche per l'integrazione degli AFF nel processo di valutazione delle risorse forestali del prossimo FRA 2015. Sebbene l'importanza degli AFF sia ormai ampiamente riconosciuta, le informazioni disponibili su queste formazioni forestali sono ancora limitate, soprattutto su vasta scala (Kleinn et al., 2001). Lo scopo di questa tesi di dottorato è stato quello di analizzare le formazioni forestali fuori foresta attraverso lo sviluppo e l’applicazione di una metodologia di inventario in grado di agganciarsi alla rete degli inventari forestali convenzionali già esistente su vasta scala. Ulteriore obiettivo di questa tesi è stato quello di sviluppare una metodologia di campionamento per settori circolari in grado di rilevare i boschetti in modo più rapido.
Questa tesi fornisce dunque una soluzione alla crescente necessità di disporre di informazioni più dettagliate sugli aspetti quantitativi e qualitativi delle risorse fuori foresta e sulla loro distribuzione. L'applicazione delle metodologie proposte permette la valutazione degli attributi quantitativi e qualitativi degli AFF attraverso una metodologia di inventario studiata ad hoc, che ha dimostrato essere di facile e pratica applicazione. Gli stimatori statistici proposti nella metodologia sviluppata hanno dimostrato di essere robusti e di utile applicazione. I protocolli sviluppati, grazie alla loro potenzialità di agganciarsi e sfruttare la prima fase degli inventari forestali convenzionali su vasta scala, permettono una raccolta di informazioni sugli AFF a basso costo di implementazione. Anche la metodologia di campionamento per settori circolari si è dimostrata di valida applicazione per il rilievo speditivo su piccole superfici come i boschetti, permettendo la risoluzione del problema dell'effetto margine, riducendo al contempo lo sforzo e i tempi di rilievo pur mantenendo una buona precisione di stima.
L'applicazione delle metodologie proposte a livello nazionale potrebbe essere una prospettiva concreta anche in considerazione del fatto che le formazioni fuori foresta sembrerebbero destinate ad aumentare nei prossimi anni, soprattutto in relazione alla loro ulteriore espansione territoriale prevista dai recenti orientamenti della Politica Agricola Comunitaria. Questa considerazione è di rilevante importanza soprattutto nella prospettiva di ammissibilità del settore agro-forestale per la rendicontazione nazionale delle emissioni di gas a effetto serra nel secondo periodo di impegno del Protocollo di Kyoto.
Description: 
Dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie per la gestione forestale e ambientale
URI: http://hdl.handle.net/2067/2394
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
mvchiriaco_tesid.pdf1.31 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
0
Last month
0
checked on Oct 21, 2020

Download(s)

1
checked on Oct 21, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.