Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2289
Title: Aspirapolvere Facebook. La Famiglia Reale inglese e i social networks
Authors: Cesti, Jessica
Keywords: social network;Facebook;Regina Elisabetta II;Famiglia Reale Inglese.
Issue Date: 30-May-2012
Series/Report no.: Tesi di laurea. 1. livello. Classe 3.
Abstract: 
L'intento del mio elaborato è stato quello di analizzare un aspetto caratterizzante la cultura britannica contemporanea ed i social networks, in particolar modo l'ingresso della Famiglia Reale inglese in questo mondo, ipotizzando le motivazioni che hanno spinto la Regina Elisabetta e tutto il suo entourage ad intraprendere questa "modernizzazione".
La tesi si divide in tre parti. Nel primo capitolo si delineano le caratteristiche principali dei social networks attraverso un breve excursus storico fino ad arrivare ad un'analisi più dettagliata e precisa di Facebook, la piattaforma più cliccata, che con i suoi 700 milioni di utenti è il secondo sito più visitato al mondo (Google detiene la prima posizione). In questa sezione del mio lavoro è stato importante analizzare non solo le caratteristiche tecniche di Facebook, ma anche tutte le dinamiche sociali che si estrinsecano all'interno del social network ed il rapporto che esiste tra i media e la piattaforma: secondo un' indagine condotta dal Censis nel luglio del 2011, infatti, Facebook risulta essere al decimo posto tra i media più utilizzati, collocandosi addirittura al terzo per una fascia d'età che va dai 14 ai 29 anni. Questo significa che la maggior parte dei giovani usa il social network non solo per interagire, ma anche come fonte di informazione.
Con il secondo capitolo entriamo nel vivo della tesi. È qui che propongo un'analisi del rapporto che esiste tra i social networks e la Famiglia Reale inglese. Oltre ad un excursus cronologico con le tappe fondamentali che hanno segnato questa "modernizzazione", ho analizzato le motivazioni che hanno spinto la Regina Elisabetta e tutti i suoi familiari a "convertirsi" all'uso dei social media. Il 2007 segna l'entrata ufficiale della Famiglia Reale inglese in Internet attraverso l'inaugurazione di un canale ufficiale (The Royal Channel) sul sito di Youtube; tuttavia il momento di completa
"consacrazione" al mondo telematico è stato l'8 novembre del 2010 quando su Facebook comparve, per la prima volta, la pagina ufficiale della Royal Family (con il nome The British Monarchy). Attraverso questo spazio pubblico la Famiglia Reale permette a chiunque lo desideri di conoscere e curiosare tra immagini, video ed eventi ufficiali che coinvolgono la Regina e tutto il suo entourage.
Preme sottolineare l'importanza che hanno ricoperto gli articoli di giornale per la stesura di questo lavoro poiché attraverso essi sono riuscita a comprendere a pieno qual è l'opinione del popolo inglese. Si nota l'esistenza di due linee di pensiero opposte. Nel primo caso si rileva il forte entusiasmo di chi approva la voglia di svecchiare l'immagine austera e antica che ha sempre contraddistinto la Regina Elisabetta e tutta la sua famiglia, dall'altra, invece, vi è la completa disapprovazione del pubblico, il quale considera inutile l'utilizzo di internet e dei social networks, sottolineando il fatto che le pagine e i profili creati dal 2007 fino ad oggi non permettono la comunicazione bidirezionale ma lasciano gli utenti che vi aderiscono in una posizione di assoluta passività. Altra motivazione negativa è il dubbio, da parte dei comuni utenti, che l'intenzione della Royal Family sia quella di farsi semplicemente pubblicità.
Una sezione molto interessante del mio lavoro è dedicata alla presentazione di una serie tv uscita recentemente in Gran Bretagna: Black Mirror. La scelta di citare uno degli episodi di questa serie (dal titolo The National Anthem) è ricollegabile al forte legame tra la trama dell'episodio e il tema della mia tesi. Esso, infatti, inscena l'estremizzazione delle vicende che legano i reali britannici al mondo telematico, in particolar modo a quello dei social networks.
Il terzo ed ultimo capitolo del lavoro consiste nell'analisi e traduzione di uno degli articoli dei tabloids britannici dedicati ai rapporti tra i Reali inglesi e i social media. La scelta di questo articolo, dal titolo: "One's on Facebook! Queen joins her grandchildren on the world's biggest social networking site" e scovato su The Daily Mail, non è affatto casuale. Oltre ad offrire una panoramica generale delle vicende che legano la Regina Elisabetta al grande mondo di Internet, la peculiarità di questo articolo è data dal fatto che si ipotizza come sarebbe potuto essere il profilo personale della Regina Elisabetta se avesse deciso di usare Facebook come tutti i comuni utenti della piattaforma. Le autrici di questo clone account (termine tecnico usato per definire un profilo falso) si sono divertite a descrivere i contributi della Regina Elisabetta e di tutti i suoi familiari in modo graffiante, ironizzando su alcune vicende imbarazzanti che li hanno visti protagonisti nel corso degli anni.
Il capitolo si conclude con la traduzione dell'articolo dall'inglese all'italiano, lavoro senz'altro utile non solo da un punto di vista semantico, ma anche linguistico.
In conclusione, possiamo notare come Facebook e i social networks abbiano cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare, tanto da spingere anche un'istituzione così tradizionalista e conservatrice, come la Monarchia Inglese, ad aderire a questa innovazione.
Description: 
Tesi di Laurea di I Livello in Letteratura Inglese. Corso di Laurea in Mediazione Linguistica per le Istituzioni, le Imprese e il Commercio. Relatore: Prof.ssa Francesca Saggini. Correlatore: Prof. Gino Roncaglia
URI: http://hdl.handle.net/2067/2289
Rights: If not otherwise stated, this document is distributed by the Tuscia University Open Archive under a Creative Commons 2.0 Attribution - Noncommercial - Noderivs License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/)
Appears in Collections:DISTU - Archivio delle tesi di laurea

Files in This Item:
File Description SizeFormat
jcesti_tesi_i.pdf2.91 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

9
Last Week
1
Last month
6
checked on Nov 27, 2020

Download(s)

10
checked on Nov 27, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons