Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2252
Title: Prova di campionamento degli adulti di balanino del castagno (Curculio propinquus Desbr.) per mezzo di trappole cromotropiche e chemio-tropiche
Other Titles: Sampling test of adult chestnut weevil (Curculio propinquus Desbr.) carried out using chromothropic and chemo-chromotropic traps.
Authors: Paparatti, Bruno
Speranza, Stefano
Terrosi, Alessandra
Pucci, Claudio
Keywords: Curculio propinquus;Castanea sativa;Chestnut;Castagno;Trappole cromotropiche;Trappole chemio-cromotropiche;Chromotropic traps
Issue Date: 2004
Publisher: Tipografia Polaris, Sondrio
Source: Paparatti, B. et al. 2004. Prova di campionamento degli adulti di balanino del castagno (Curculio propinquus Desbr.) per mezzo di trappole cromotropiche e chemio-tropiche. In: Atti del XIX Congresso nazionale italiano di entomologia (Catania, 10-15 giugno 2002). Sondrio, Tipografia Polaris, pp. 917-920.
Abstract: 
Several research aiming at getting ready some adult population monitoring systems are being carried out to establish an exact correlation between the capture of adults and the infestation of chestnuts with C. propinquus. To this purpose, cross traps in different colours (red, yellow, blue, transparent), activated with alcohol denatured with toluene or not activated have been placed. The experiments have been carried out in two different biotypes in the surroundings of Viterbo.
The results show a low extent of captures and a consequent modest fruit infestation in the chestnut wood located in Vallerano (<5%), while a fair amount of captures was reported in the highly infested area (40%) located in Carbognano. Yet no significant differences among the captures were reported and no correlation coefficient between captures and fruit infestation was determined.
It is thus necessary to experiment more effective systems to monitor the adult population.

Curculio propinquus, risulta essere l’insetto chiave della coltura del castagno nel comprensorio castanicolo dei Monti Cimini (Viterbo). Le infestazioni pur essendo caratterizzate da una notevole variabilità negli anni, possono talvolta essere molto elevate, interessando anche il 60% della produzione. Per questa ragione, il nostro gruppo di ricerca ha programmato dal 2001 una serie di studi per la messa a punto di razionali metodologie di controllo. A questo scopo, risulta indispensabile formulare una tecnica di campionamento degli adulti che sia di facile applicazione, poco onerosa e che permetta ai castanicoltori di individuare il momento dello sfarfallamento del curculionide nonché la sua densità e quindi predisporre in tempo utile l’eventuale trattamento.
La sperimentazione e’ stata condotta in due castagneti tipici notoriamente caratterizzati da due differenti livelli di infestazione e rispettivamente Vallerano con bassa infestazione e Carbognano con elevata. Per il monitoraggio degli adulti sono state utilizzate 24 trappole adesive a croce per ciascuno dei due castagneti: 12 innescate con alcool etilico e 12 non innescate. Le trappole utilizzate erano di differenti colori, e precisamente: quattro rosse, quattro gialle e quattro trasparenti. Le trappole sono state posizionate, una per pianta, a metà altezza della chioma, e controllate due volte la settimana annotando il numero di adulti catturati per sesso. Parallelamente, con la stessa periodicità, sono stati effettuati controlli della popolazione adulta mediante lo scuotimento delle branche, sfruttando il noto fenomeno della tanatosi.
I risultati ottenuti hanno evidenziato una bassa entità delle catture e una conseguente modesta infestazione dei frutti nel castagneto di Vallerano (<5%), mentre nella parcella altamente infestata (40%) sita a Carbognano, si è riscontrato un discreto valore di catture.
Esaminando l’andamento delle catture dei differenti tipi di trappole, di diverso colore, innescate e non, non emergono dati significativi per il Castagneto di Vallerano. Al contrario per il castagneto di Carbognano, le trappole non innescate, di colore giallo indicano, con sufficiente precisione, l’inizio degli sfarfallamenti del curculionide, pur non rappresentando uno strumento in grado di valutare adeguatamente la sua densità di popolazione nel tempo.
URI: http://hdl.handle.net/2067/2252
Appears in Collections:DIPROP - Archivio della produzione scientifica

Files in This Item:
File Description SizeFormat
2002 Prova di campionamento degli adulti_SPERANZA.pdf332.38 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

4
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 26, 2020

Download(s)

3
checked on Oct 26, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.