Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/2240
Title: Indicatori sull’indipendenza (in apparenza) del revisore contabile: il caso della prestazione di servizi non di revisione
Authors: Ianniello, Giuseppe
Keywords: Indipendenza del revisore;Servizi non di revisione
Issue Date: Mar-2011
Publisher: Pavia University Press
Source: Ianniello, G. 2011. Indicatori sull’indipendenza (in apparenza) del revisore contabile: il caso della prestazione di servizi non di revisione. "Economia Aziendale Online" 2 (1): 45-56
Abstract: 
In the European framework set up by the Directive 2006/43/CE and adopted in Italy with the Legislative Decree (D. Lgs.) No. 39/2010, the issue of auditor independence is confirmed among the key topics for the credibility of the statutory auditing function and, as a consequence, for the reliability of financial statements. Starting from the distinction between auditor independence in fact and in appearance, this paper analyses the regulatory policy aiming at increasing the disclosure on the auditor-client relationship. Disclosure about this relationship can contribute to the knowledge of potential conflict of interest that in turn can impair auditor independence. In this context,a specific relationship has been empirically investigated: the provision of non audit services to the audit client
by the incumbent auditor. Our analysis shows that the mandatory disclosure of fees for audit and non-audit services as initially required in 2007 by the Italian regulation significantly reduced the ratio of non-audit fees to total fees from 2007 to 2008 for Italian firms. It appears that the regulation did make a significant impact by reducing the non-audit services provided by incumbent auditors.

Nel quadro europeo delineato dalla Direttiva 2006/43/CE adottata in Italia con il D. Lgs. n. 39/2010, il tema dell’indipendenza del revisore legale dei conti si conferma come pietra miliare per la credibilità della funzione di revisione contabile e, di conseguenza, per il contributo all’attendibilità dell’informativa di bilancio rivolta al pubblico. Partendo dalla distinzione tra indipendenza di fatto e in apparenza, la presente ricerca si focalizza sulla politica regolamentare tendente ad aumentare la trasparenza nei bilanci aziendali con riferimento ai rapporti tra
azienda e revisore contabile. La lettura di tali relazioni può contribuire nella conoscenza di potenziali conflitti di
interesse che possono compromettere l’indipendenza del revisore. Una particolare relazione osservata nella presente
indagine è la prestazione di servizi aggiuntivi da parte del revisore incaricato della revisione legale dei conti.
L’analisi dimostra che l’obbligo di pubblicare i compensi per servizi di revisione e non di revisione ha avuto
un impatto significativo sulle società italiane quotate con più alta capitalizzazione: l’indice dei servizi non di revisione è diminuito significativamente dal 2007 al 2008. Di conseguenza, la pubblicazione di informazioni relative
alla relazione tra revisore e azienda controllata può svolgere un ruolo nel limitare situazioni che possono
compromettere l’indipendenza (in apparenza) del revisore.
URI: http://hdl.handle.net/2067/2240
ISSN: 2038-5498
Appears in Collections:DEIM - Archivio della produzione scientifica

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Ianniello (2011), EAOnline 2(1).pdf390.21 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

8
Last Week
0
Last month
3
checked on Jan 26, 2021

Download(s)

7
checked on Jan 26, 2021

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.