Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/1268
Title: Modellistica numerica per lo studio dei processi ecologici e per lo sviluppo di un sistema gestionale
Authors: Ghezzo, Michol
Keywords: BIO/07
Issue Date: 12-Feb-2009
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 20. ciclo
Abstract: 
In the directive 2000/60/CEE (WFD) the necessity to cope and to safeguard
the water environment is strongly stressed. A rational and scienti c handling
of the resources is needed.
After a rst overview to identify the more suitable numerical tool to
be applied in the transitional and coastal environments, the chosen mod-
el has been calibrated on real cases to contribute to solve the ecosystem
management problem.
Three locations have been chosen as case studies: the rst is the Venice
Lagoon, the second is the Gulf of Cagliari and the last is the system 'Gulf
of Oristano-Cabras pool'.
In the rst location, the Venice Lagoon, the anthropogenic impact on
the ecosystem over medium time range, have been studied. Speci cally
the action of the arti cial structures built at the lagoon inlets, have been
investigated. These barriers are part of the MOSE Project.
The results of this work give information about possible local changes
of velocity and residence time, perhaps due to the new arti cial structures
at the inlets. The whole study has become part of the material collected by
the Venice Lagoon Natural Observatory.
The model has been calibrated for the Venice Lagoon to reproduce the
salinity eld. The main aim was to propose a division and classi cation of
the lagoon in areas, as asked in the directive. The comparison between mod-
elled and measured salinity elds showed a really satisfactory match. Particularly the e ects of high interannual spatial variability of the parameters
on the classi cation and typologies are shown.
The produced dataset has also been used by other research groups to
be correlated with sedimentological variables and to do a zoning based on
physiographic factors.
In the Gulf of Cagliari the hydrodynamic and water quality model has
been applied to verify the system answer to di erent managing hypothesis
for the use of coastal and waste waters. This activity stressed the response
of the system under di erent wind regimes and permitted to evaluate the
e ects on coastal water quality of the nutrient variation, in terms of quantity
and distribution.
In the Gulf of Oristano the characteristics of the transport scales have
been investigated. The e ects of possible changes in the geometry of the
interconnection channel between the gulf and the Cabras pool have been
studied to de ne the hydrological and water quality characteristics of the
pool. The results permit to identify the high risk areas where pollutant can
accumulate. Speci cally, the e ect of an higher water exchange between the
gulf and the pool on the organic matter accumulation and on sheries has
been evaluated. This information has been presented to the local authorities
as an additional help in the management of the area.
The project presented here succeeded in supplying a unique tool able to
integrate a large database for the management. It has been possible to help
the local municipalities not only to solve speci c management cases, with
comparison with measured data, but even to develop a working platform
useful for future activities.

Rispetto alla materia “acque" dalla Direttiva 2000/60/CEE (WFD) in poi
si afferma in modo esplicito l'esigenza di una tutela integrale che comporta
una gestione delle risorse effettuata su una base razionale e scientifica.
Dopo aver individuato lo strumento numerico più idoneo per gli ambienti
costieri e di transizione, il modello è stato calibrato su casi reali al fine di
contribuire alla soluzione di problemi relativi alla gestione dell'ecosistema.
I casi di studio sono stati individuati in tre località: la laguna di Venezia,
il golfo di Cagliari e il sistema golfo di Oristano-stagno di Cabras.
Nella laguna di Venezia si sono affrontate alcune tra le problematiche rel-
ative all'impatto a medio termine sull'ecosistema prodotto dalla costruzione
delle strutture alle bocche lagunari per la realizzazione del progetto MoSE .
I risultati ottenuti sono la segnalazione di possibili cambiamenti locali nelle
velocità e nei tempi di residenza, legati alle nuove strutture delle bocche.
Questo risultato è stato inserito tra il materiale divulgativo dell'Osserva-
torio Naturalistico della laguna di Venezia. Successivamente per lo stesso
sito è stato calibrato un modello della salinità utilizzandolo ai fini di una
proposta per la tipizzazione e la classifficazione della laguna di Venezia in
recepimento della direttiva stessa. Il modello di salinità ha ottenuto un' otti-
ma corrispondenza con le misure sperimentali. La proposta avanzata inoltre
mette in evidenza l'effetto della variabilità interannuale della distribuzione
dei parametri sulle tipologie e sulla classifficazione. I dati prodotti sono
stati richiesti all'interno dell'istituto di ricerca come supporto a studi paralleli quali la correlazione con variabili sedimentologiche e un approccio alla
zonazione della laguna su base fisiografica.
Nel golfo di Cagliari è stato realizzato il modello idrodinamico e di qualità
delle acque del golfo per verificare la risposta del sistema a diverse ipotesi
di gestione delle risorse idriche costiere e delle acque reflue. L'attività ha
evidenziato la risposta del sistema ai regimi di vento e ha prodotto una prima
valutazione sull'effetto di una variazione della quantità e distribuzione dei
carichi di nutrienti sulla qualità delle acque costiere.
Nel golfo di Oristano tramite il modello sono state individuate le carat-
teristiche delle scale di trasporto. Si è valutato inoltre l'effetto di una even-
tuale modifica della geometria della connessione tra il golfo e lo stagno di
Cabras sulle caratteristiche idrologiche e di qualità delle acque dello stagno
stesso. I risultati ottenuti hanno permesso di individuare le aree maggior-
mente a rischio di accumulo di inquinanti nel golfo, mentre nello stagno si
è valutato l'effetto di un maggiore scambio idrico con il golfo sull'accumulo
della sostanza organica e sull'attività di pesca. Questi risultati sono stati
sottoposti all'attenzione delle autorità locali.
Nel complesso il progetto ha raggiunto l'obbiettivo di poter fornire un
unico strumento di gestione in grado di integrare un vasto database e ha of-
ferto alle amministrazioni locali non solo una valutazione su un caso specifico
di gestione corroborato dal confronto con dati reali ma anche uno strumento
di lavoro su cui sviluppare future attività.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia e gestione delle risorse biologiche
URI: http://hdl.handle.net/2067/1268
Rights: If not otherwise stated, this document is distributed by the Tuscia University Open Archive under a Creative Commons 2.0 Attribution - Noncommercial - Noderivs License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/)
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
mghezzo_tesid.pdfPer visualizzare il file, salvarlo sul proprio computer33.45 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 26, 2020

Download(s)

1
checked on Oct 26, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons