Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/1063
Title: Parassiti come indicatori biologici e livelli di accumulo di Pb, Cd e Hg in un approccio multidisciplinare nella caratterizzazione di Xiphias gladius in acque europee
Other Titles: Parasites as biological tags and Pb, Cd and Hg concentration levels in a multidisciplinary approach for the characterization of Xiphias gladius in european waters
Authors: Damiano, Simone
Keywords: Parassiti;Indicatori biologici;Metalli pesanti;Pesce spada;Stock;Parasite;Biological tags;Heavy metals;Swordfish;BIO/07
Issue Date: 15-Mar-2010
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 22. ciclo
Abstract: 
L’effetto sinergico delle attività naturali ed antropiche che agiscono sul bacino mediterraneo hanno portato
nei decenni ad un depauperamento della popolazione di pesce spada (Xiphias gladius, L. 1758). L’uso dei parassiti è un valido approccio per la caratterizzazione di stock di specie ittiche sia demersali che pelagiche.
I metalli pesanti sono contaminanti chimici che hanno effetti a lungo termine sui pesci, rappresentando unrischio sia per lo stock in se stesso, sia per l’uomo. La valutazione dei livelli d’infestazione da parassiti e dei
valori di accumulo di metalli pesanti di uno stock, rappresenta un contributo per il monitoraggio dello stato di salute di una risorsa ittica sottoposta ad eccessivo sforzo di pesca come il pesce spada. Lo scopo del lavoro è tracciare un quadro generale della situazione dello stock mediterraneo di pesce spada attraverso
l’utilizzo di parassiti come biological tags e delle differenze di concentrazioni di metalli pesanti quali Pb, Cd e Hg contenuti nei tessuti di campioni atlantici e mediterranei. 276 esemplari sono stati esaminati ed i risultati hanno mostrato significative differenze tra l’area mediterranea e quella atlantica, suggerendo il possibile utilizzo di alcune specie di parassiti, come i nematodi anisakidi o il cestode Hepatoxylon squali,
come possibili indicatori biologici nella caratterizzazione degli stock di pesce spada. Parallelamente, alti livelli di contaminazione sono stati trovati per Pb, e Hg in tutti i siti di campionamento, con differenze rilevanti tra le due aree. Per il Cd le concentrazioni trovate non hanno superato i limiti massimi consentiti
per il consumo.

During the last decades, the combined effect of natural and human activities acting over the Mediterranean Sea basin have brought to a reduction of the swordfish (Xiphias gladius, L. 1758) population. The use of parasites as biological tags has shown to be a valid approach for the characterization of both pelagic and
demersal fish stocks. Heavy metals, as chemical pollutants, have strong long-term effects on fish and constitute a high risk for the resource and the human consumption. Mediterranean swordfish is a highly exploited marine source. An evaluation of its parasites infestation levels and heavy metals accumulation can contribute to the monitoring of stock the health state. The aim is to characterize the Mediterranean stock in a
comparative study with the Atlantic one. Parasites have been used as biological tags and accumulation levels of Pb, Cd, and Hg have been recorded. 276 fish, coming from both Atlantic and Mediterranean region have been examined. Significant differences between areas have been reported for parasite fauna composition and
distribution. Results suggest that some parasites as anisakid nematodes and the cestode Hepatoxylon squali can be considered as valid biological tags for the swordfish stock characterization. High concentration levels for Pb and Hg have been found in all sampling localities with differences between areas. Cd concentrations were lower than the maximum level applied for the seafood by the European Commission.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ecologia e gestione delle risorse biologiche
URI: http://hdl.handle.net/2067/1063
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
sdamiano_tesid.pdf13.34 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

3
Last Week
0
Last month
3
checked on Dec 1, 2020

Download(s)

4
checked on Dec 1, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons