Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/1045
Title: Analisi delle variazioni di produttività di tre nuclei di faggeta aventi carattere di vetustà
Other Titles: Analysis of productivity changes of three old-growth beech forest
Authors: Alessandrini, Alfredo
Keywords: Faggeta;Produttività;BAI;Beech forest;Productivity;AGR/05
Issue Date: 26-Feb-2009
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 21. ciclo
Abstract: 
Lo studio della produttività delle cenosi forestali riveste una notevole importanza al fine di comprendere come le recenti variazioni climatiche agiscano sui processi di accrescimento dei boschi.
Negli ultimi decenni si sta registrando un aumento delle temperature, il cui effetto sulla crescita dei boschi è ampiamente dibattuto. Nel bacino del mediterraneo, molti autori hanno riportato come, soprattutto per le cenosi forestali montane, si stia assistendo ad una riduzione della
produttività, e in taluni casi ad un arretramento del limite superiore della vegetazione. Tali processi dipendono dall'aumento delle temperature che causano un incremento dell'aridità, il fattore limitante la produttività delle cenosi forestali.
In questo contesto il presente studio ha avuto come obiettivo l'analisi della produttività di tre faggete vetuste dell'Appennino Centrale. Per stimare la produttività, si è utilizzato l'incremento di area basimetrica (BAI), che rispetto
all'incremento di diametro, presenta il vantaggio di essere meno dipendente dalle dimensioni/età,rispetto alle ampiezze anulari.Per lo studio delle variabili climatiche, si è utilizzato un dataset di punti griglia di temperature e precipitazioni, che ha permesso di ricavare delle cronologie di tali parametri.
L'aridità è stata calcolata mediante l'utilizzo di due indici: Z-INDEX - Palmer Moisture Anomaly Index e PDSI - Palmer Drought Severity Index.
Inoltre sono stati utilizzati degli indici derivati da immagini satellitari: NDVI - Normalized difference vegetation index e FAPAR - Fraction of Absorbed Photosynthetically Active Radiation.
I risultati ottenuti, hanno permesso di chiarire quali sono i segnali climatici che regolano le variazioni di alta e bassa frequenza della produttività delle cenosi forestali, permettendo in questo
modo di comprendere meglio quali possono essere le consegunze delle variazioni climatiche sulla loro produttività.

Aim: Understand how the recent climatic changes are impacting the basal area increment (an indicator of forest productivity) of beech woods in Italy. In recent decades there has been an increase in temperature; the effects on forest growth is widely debated, especially in Mediterranean areas, where some authors described a reduction in stand productivity in consequence of increasing drought (the factor limiting woods
productivity).
Materials and methods: Productivity of old-growth beech forests in the Mediterranean Basin was measured by average stem basal area increment (BAI) of dominant trees at three mountain sites in the Italian Apennines. Basal area increment
(BAI) was used to estimate productivity. A dataset of gridded temperatures and
precipitation series was used for the study of climatic factors controlling productivity.
Drought at the two sites was quantified by the self-calibrated Palmer Moisture Anomaly
Index (Z-index), and by the self-calibrating Palmer Drought Severity Index (PDSI) for
summer (June through August) and the growing season (May through September).
Indices derived from satellite images were also compared to productivity data: NDVI,Normalized difference vegetation index, and FAPAR, Fraction of Absorbed Photosynthetically Active Radiation.
Results: The results obtained helped to clarify the climatic signals that regulate changes in beech woods productivity. Dendroclimatic analyses revealed a moisture limitation in beech BAI at the interannual (water availability measured by Z-index) and decadal timescales (water availability measured by PDSI). This impact was clearly detected by FAPAR, reconciling the observed BAI with remote sensing data.
Conclusion: These findings have implications for modelling tree growth at the landscape level in relation to forest management options and carbon cycling estimates,especially with regard to the impact of climate variability.
Description: 
Dottorato di ricerca in Scienze e tecnologie per la gestione forestale e ambientale
URI: http://hdl.handle.net/2067/1045
Rights: If not otherwise stated, this document is distributed by the Tuscia University Open Archive under a Creative Commons 2.0 Attribution - Noncommercial - Noderivs License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/)
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
aalessandrini_tesid.pdf2.52 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

2
Last Week
0
Last month
1
checked on Dec 1, 2020

Download(s)

3
checked on Dec 1, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons