Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/2067/104
Title: Salvaguardia e caratterizzazione morfologica e molecolare di ecotipi di carciofo tipo romanesco
Other Titles: Assessment of genetic variation in artichoke romanesco type by molecular markers
Authors: Rey Muñoz, Néstor Alonso
Keywords: Carciofo;Marcatori molecolari;DNA;AFLP;ISSR;Germoplasma;Artichoke;Molecular markers;Germplasm;AGR/07
Issue Date: 8-May-2006
Publisher: Università degli studi della Tuscia - Viterbo
Series/Report no.: Tesi di dottorato di ricerca. 17. ciclo
Abstract: 
La coltura del carciofo in Italia, occupa tra le colture ortive da pieno campo, la terza posizione, preceduta dal pomodoro e dalla patata. Le tematiche trattate nella tesi, riguardano i sistemi di propagazione e lo studio della diversità genetica attraverso marcatori molecolari.
Studiare la distribuzione della variazione genetica in specie vegetali è una delle migliori strategie per preservare la variazione genetica. Gli ecotipi locali di carciofo, sono popolazioni che contengono degli elementi comuni ma anche diversità considerevole che permette il loro adattamento a particolari condizioni micro-climatiche. Gli ecotipi locali hanno sperimentato processi d'evoluzione che, nonostante un possibile origine comune, generano materiale vegetale geneticamente divergente. Questa variabilità può compensare le fluttuazioni nella produzione annuale dovuta a divergenti condizioni ambientali, inoltre rappresentano un’importante risorse genetica disponibile, essendo una fonte di geni utili nel presente per miglioramenti genetici futuri.
Recentemente molte aziende cinearicole italiane hanno sostituito i loro ecotipi con un solo clone di tipo "Romaneso", che è caratterizzato da alta precocità, questo, però crea un rischio conseguente di erosione di variabilità genetica. Infatti, al momento, è piuttosto difficile trovare coltivatori che coltivano i loro ecotipi.
Un sostanziale miglioramento in termini sia quantitativo che qualitativo della produzione potrebbe essere ottenuto mediante la propagazione per seme, basata sulla costituzione di nuovi genotipi (linee inbred, ibridi F1, varietà sintetiche) con struttura genetica ben definita e sostanzialmente differente dai cloni attualmente coltivati, caratterizzati da notevole eterozigosi e quindi elevatissima variabilità morfologica.

Thirty genotypes of Artichoke landraces "Romanesco" type have been collected from each of three farmers located in Latina province (south of Rome), in order to assess the genetic variation existing between and within each population. The molecular markers utilized, AFLPs and ISSRs, relived the presence of a great amount of variation within population. Difference between the two type of markers are discussed as well as the strategy for artichoke germplasm conservation and genetic distance between the analysed populations.
Description: 
Dottorato di ricerca in Ortoflorofrutticoltura
URI: http://hdl.handle.net/2067/104
Rights: If not otherwise stated, this document is distributed by the Tuscia University Open Archive under a Creative Commons 2.0 Attribution - Noncommercial - Noderivs License (http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/)
Appears in Collections:Archivio delle tesi di dottorato di ricerca

Files in This Item:
File Description SizeFormat
nareymunoz_tesid.pdf11.88 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record

Page view(s)

1
Last Week
1
Last month
0
checked on Oct 30, 2020

Download(s)

2
checked on Oct 30, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons